Coltivazione della bieta a coste










 Home 
Tutti gli articoli
La bieta a coste è una verdura facile da coltivare e generosa nella produzione; ha anche il pregio di poter essere coltivata per gran parte dell’anno, sia in terra che in vso. A partire da fine dicembre e fino a febbraio potete produrre da soli le piantine, in casa o in un luogo riparato: queste potranno essere trapiantate all’aperto ai primi sintomi della primavera
 
 

La bieta è una pianta biennale, ma viene coltivata per esser consumata il primo anno. Nel secondo anno produce i semi. Questi sono di tipo particolare, e vengono detti “glomeruli” poiché, più che semi singoli, sono agglomerati di semi connessi abbastanza strettamente tra di loro, tanto che risulta poco pratico tentare di dividerli. La semina si fa mettendo in terra i glomeruli così come sono: quando saranno nate le piantine, solitamente a gruppi di tre-quattro, si lascerà solo la migliore oppure si divideranno, come indicato più sotto.

Bieta con foglie pronte alla raccolta
 
 

LIBRI
OFFERTA DEL MESE
UN PREZIOSO MANUALE A STAMPA dal catalogo di
Coltivare l'orto Editrice

Questa offerta è valida 30 giorni e non verrà ripetuta

 

La parte commestibile della bieta è costituita dalle foglie, dotate di grossi piccioli (le coste) che possono essere consumati anche separatamente. Si può consumare, previa cottura, in moltissimi modi, sia condita semplicemente con olio, sale e limone, sia ripassata in padella in molti modi. Le coste possono essere gratinate o fritte impanate, e sono molto gustose.

 
 
 
 

I NOSTRI LIBRI
ULTIME NOVITA'
UN PREZIOSO MANUALE A STAMPA dal catalogo di
Coltivare l'orto Editrice

 
La radicazione delle piantine da trapiantare deve essere visibile e deve tenere unito il pane di terra

La semina può essere fatta in contenitori alveolari plastici o di torba pressata. Riempite i contenitori con terriccio da semina o con una miscela composta al 50% da terriccio di giardino e 50% di terra normale. Se ne avete, potete sostituire il terriccio da giardino con il vostro compost.
Pressate la terra negli alveoli e bagnatela: praticate al centro di ogni alveolo dei piccoli fori larghi e profondi circa 0,5 cm (potete usare una canna o un bastoncino) e lasciate cadere in ogni foro uno o due semi. Coprite con sabbia o stringendo la terra attorno ai semi con le dita.

 
 

LE ULTIME NOVITA'
DAL NOSTRO CATALOGO, UNA compilation degli E-book editi più recentemente.

IN OFFERTA  A UN PREZZO CONVENIENTISSIMO.
ACQUISTA E FASI SUBITO IL DOWNLOAD
Per saperne di più

 

 
Semi di bieta a coste

Le piantine emergono dopo 10-12 giorni. Mantenetele in un luogo riparato, di notte, ma di giorno portatele all’aperto in modo che prendano quanta più luce solare possibile.

Quando le piantine avranno 4-5 foglie e saranno altre almeno 7-8 cm saranno pronte al trapianto.  Noterete che in ogni alveolo saranno cresciute diverse piantine, due o tre o talvolta anche di più. Da ogni alveolo potete ricavare almeno due piantine, le più belle, dividendole come illustrato nelle foto.

 
 

Le piantine emergono dopo 10-12 giorni, e dopo 40 giorni mediamente sono pronte al trapianto
 

 
In ogni alveolo si svilupperanno da una a quattro o più piantine. Potete utilizzare le due più belle, dividendole
 
Dopo aver eliminato strappandole tutte le più piccole, praticate un piccolo taglio di invito con il coltello per segnare la traccia di divisione
 
 

E-book
OFFERTA DEL MESE

Cogli l'attimo! Non perdere l'occasione!

 
Completate la divisione con le mani, curando che ogni piantina conservi una buona parte di terreno attorno alle radici. Le due piantine separate possono essere trapiantate individualmente alla distanza di 25-30 cm sulla fila, e 40-50 cm tra le file
 
 
 

Tutti i nostri manuali

ora sono

disponibili anche su

 

AMAZON

KINDLE

 

 

 

 

LI TROVI QUI:  http://goo.gl/Hlhaox

 

Amazon, come altri rivenditori, applica una propria politica di prezzi

 

Assicuratevi comunque che ciascuna delle piantine divise conservi una buona zolla di terra attorno alle radici.

Praticate un buco nel terreno di trapianto e sistematevi la piantina, che dovrà emergere dal terreno esattamente come emergeva nel contenitore di semina, cioè il colletto non dovrà essere né interrato né troppo sporgente sul terreno.

Innaffiate abbondantemente in modo che l’acqua faccia compattare la terra attorno alle radici. Se il terreno è sabbioso innaffiate come nella foto, se invece è argilloso usate molta meno acqua: dovete evitare ristagni.

Dopo il trapianto innaffiate abbondantemente per compattare la terra attorno alle radici
 
La bieta cresce benissimo anche il vaso, e può essere coltivata senza difficoltà anche sui balconi
 
 
 

500 segreti per avere un orto meraviglioso
320 Pagine. Formato 17x24 cm. Illustrato
 

L’antica abitudine di coltivare un orto sta tornando di grande attualità. Dopo qualche decennio trascorso nella illusione di un consumismo facile senza prezzi da pagare, ci stiamo accorgendo che alcuni prezzi ci sono: la rinuncia alla genuinità dei cibi e una totale subordinazione a un sistema produttivo di cui non si conoscono i meccanismi. L’orto come lo si intende oggi non è solo una piccola fonte di reddito, ma soprattutto una nuova filosofia di vita, un metodo sano per recuperare il giusto rapporto con la natura, con la terra e con il cielo. Purtroppo, molte conoscenze sono andate perse, e oggi non esistono scuole né insegnanti in grado di trasferire cognizioni non accademiche, ma pratiche, a chi vuole incominciare.
PER SAPERNE DI PIU'

Tutti i nostri manuali (a stampa) li trovi qui:
ORTOSHOP.EU
Sul sito dell'editore trovi il catalogo completo, spedizioni veloci e offerte speciali a prezzi convenienti.
http://goo.gl/EM3fqx
Inoltre li trovi nelle migliori librerie online. Ti segnaliamo:
 
Della bieta si consumano le foglie, che vanno raccolte scalarmente. Raccogliendo le più grosse (quelle esterne) le rimanenti crescono rapidamente per dare un nuovo raccolto dopo due-tre settimane.
 
 
 
Questo articolo ti è stato utile? Clicca su  "Mi Piace"
 
BUON ORTO A TUTTI!!!
Technorati Token D4YTH8P8SJ6E